MAGMA

Magnetic Art Generator by Machina Amniotica

 

 

 

MAGMA è un progetto software “anomalo”

realizzato su specifiche e analisi di MACHINA AMNIOTICA,

nel mese di dicembre del 2003.

 

MAGMA non è un software commerciale,

perché MAGMA non è un semplice software.

 

MAGMA è una Zona Temporaneamente Autonoma sul tuo computer

e tu puoi anche pensare di poter controllare MAGMA, ma non è così.

 

MAGMA è una testimonianza

del momento dove il caos trova un suo temporaneo ordine.

 

MAGMA è un generatore random di “arte magnetica”,

il suo compito è lavorare intorno al caos generativo

della poesia, del suono e dell’immagine.

 

Nessuno di noi vuole controllare MAGMA,

quindi MAGMA viene dato alla rete e ai suoi molti fratelli e sorelle

affinché ne facciano buon uso…

Se però decidi di usare MAGMA,

l’unica cosa che MACHINA AMNIOTICA ti chiede è di citarne la fonte primigenia.

 

Se MAGMA ti piace scrivi alla MACHINA,

la sua email è [email protected]

 

------------------------------------------------------------------

 

NOTE TECNICHE:

 

MAGMA è stato realizzato in ambiente Microsoft .NET

usando il linguaggio C#

quindi devi installare prima del suo utilizzo il framework 1.1 di .NET.

Dopo puoi copiare il contenuto della cartella MAGMA sul tuo hardisk.

 

Esiste un OCX al suo interno, che devi registrare la prima volta,

puoi lanciare il file setup.bat per questo

oppure usare il comando: REGSVR32 mci32.ocx

 

Il funzionamento di MAGMA è semplicissimo:

Puoi impostare le immagini, i suoni e i testi

che andranno in esecuzione nel software

 “compilando” le righe della tabella,

attraverso la maschera impostazioni che viene visualizzata

all’avvio del programma.

 

Per editare una riga e quindi modificarla

occorre cliccare sulla corrispondente riga del DataGrid

e i dati verranno trasferiti nella parte di edit.

 

Analogamente cliccando sul pulsante “New”

si attiverà l’editor con i campi vuoti.

Cliccando sul pulsante “Save” i dati verrano salvati

solo parzialmente (in memoria)

ma per salvarli definitivamente e quindi mandarli in esecuzione

occorre salvarli nel Database cliccando sull’apposito tasto.

 

Il salvataggio verrà comunque richiesto all’avvio del programma “visuale”.

Da notare che sull’aggiunta di un nuovo record sull’update del DataGrid

la barra di scorrimento verticale viene disabilitata

ma per riattivarla basta cliccare su un qualsiasi header di colonna.

Se la tabella è vuota il programma genera un errore all’avvio e non parte.

 

La tabella contiene i seguenti campi per ogni record:

 

Object type (Tipologia):

indica il tipo di oggetto che deve essere utilizzato nell’evento.

Può essere uno SOLO tra i seguenti tipi:

Sfondo; Immagine; Suono; Testo.

Usa la combo per la selezione.

 

Time start (inizio):

campo che determina il momento di partenza

dell’oggetto-evento (in secondi dall’avvio)

 

Duration (Durata):

campo che indica per quanto tempo (secondi)

l’oggetto-evento deve restare in esecuzione;

 

Interval (Intervallo):

campo che indica il tempo di permanenza a video

dell’oggetto durante l’evento.

 

Text properties (proprietà testo):

4 campi relativi alle dimensioni, colore, tipo e stile

del font utilizzato esclusivamente negli oggetti di tipo Testo.

File path (percorso):

Indica il pathname o percorso su disco da cui vengono letti

i file immagine, testo e suono che dovranno essere visualizzati.

 

Annotations (note):

campo ad uso dell’utente per semplici annotazioni,

non riveste alcuna funzionalità pratica.


 

------------------------------------------------

 

LE IMMAGINI:

Le immagini da utilizzare potranno essere Jpg, Bmp o Gif (anche animate).

Per le immagini di sfondo la risoluzione consigliata è 1024x768.

Le immagini che invece andranno in sovrimpressione possono avere qualunque formato.

 

Per il corretto funzionamento del programma

e per ottenere un’esecuzione quanto più fluida possibile,

si consiglia di utilizzare file di dimensioni non superiori a 100KB

(se l’esecuzione risulta lenta diminuire le dimensioni dei file).

 

Nessuno può gestire la posizione di comparsa sul video dell’oggetto

e nemmeno la sua traiettoria, questo è compito di MAGMA.

 

Si consiglia anche di sfalsare i tempi di inizio e di fine

degli oggetti-evento tra loro

ricordando che il numero massimo di oggetti in esecuzione contemporanea è di

2 per tipologia (lo sfondo è escluso dato che ovviamente non può che essere uno solo).

 

Ricordati quindi che qualsiasi oggetto in tabella che ecceda tale regola,

durante lo stesso tempo di intervento con più di altri due oggetti simili,

verrà ignorato dal software e non andrà MAI in esecuzione.

È consigliabile inserire i dati nell’ordine in cui s’intende farli eseguire;

questo per una maggiore leggibilità della tabella anche da parte di chi la utilizza.

 

I SUONI:

La durata della riproduzione dei file multimediali (solo di tipo .WAV)

è indicativa in quanto il brano verrà eseguito completamente per un numero

di volte pari alla durata (per difetto) impostata dall’utente

diviso la durata effettiva del brano.

 

I TESTI POETICI:

I file di testo (.TXT) vengono letti da MAGMA per riga in maniera casuale

e la prima riga non viene mai letta.

Si consiglia di impostare di conseguenza la struttura del file in modo che

il testo che si vuole visualizzare sia contenuto in un’unica riga

e che la prima riga contenga dei caratteri speciali (tipo #) in numero

più o meno uguale alla media delle restanti righe.

 

Anche in questo caso MAGMA e il tuo computer decideranno per te,

la sequenza di Cut-Up testuale e poetico che meriti.

Tu puoi gestire solo il tempo di sviluppo e il formato di visualizzazione del testo,

oltre chiaramente al tipo di testo che desideri MAGMA “legga” per te..

 

LA TABELLA DEI PARAMETRI:

Esiste una tabella di access che contiene i parametri di gestione.

Si trova sotto la cartella \MAGMA\DB e non deve essere mai spostata

o modificata se non attraverso il software,

qualunque altra operazione potrebbe

compromettere il buon funzionamento di MAGMA,

 

E’ meglio farsi una copia del file ArionDB.mdb prima di usare MAGMA.

La posizione degli altri oggetti (immagini, suoni e testi) può invece essere

qualunque, le cartelle sotto \MAGMA\DATI sono solo indicative.

 

GENERAZIONE RANDOM DI ARTE MAGNETICA E LOOP:

MAGMA è impostato per l’esecuzione continua che,

allo scadere del tempo di vita dell’ultimo oggetto,

o meglio dell’oggetto la cui somma del tempo d’inizio

più la durata risulta maggiore, riprenderà dall’inizio!

 

Puoi interrompere MAGMA, solo con la pressione del tasto ESC.

Nota che se la pressione avviene durante l’esecuzione di un file multimediale

MAGMA attenderà comunque che l’esecuzione finisca prima di “terminarsi”,

anche lui ha una sua dignità e merita rispetto, fagli finire il suo lavoro.

 

MAGMA è stato concepito come un estremo tributo di

MACHINA AMNIOTICA al grande William S. Burroughs, e il suo Cut-Up.

E’ ovvio quindi che i suoi spazi preferiti sono i readings,

le performances poetiche e musicali e le installazioni multimediali.

 

MAGMA potrebbe comunque accontentarsi d’essere anche il tuo screen saver preferito.

Scoprirai col tempo come con MAGMA tutto sia relativo,

anche i parametri che pensi di poter controllare,

in realtà dipendono da svariati altri elementi,

accesso e memoria cache del disco, scheda video e audio,

caricamento in memoria ram degli oggetti ecc.

Quindi non preoccuparti troppo se MAGMA e il tuo computer,

alla fine, saranno i veri autori della tua poesia e della tua Arte Magnetica.

 

Se ti dimentichi di MACHINA AMNIOTICA,

sappi che con il tasto F1 è possibile visualizzare una maschera

con i “credits” e i links a noi dedicati.